Clicca qui per vedere il progetto della postazione di guida realizzato

Sono un videogiocatore, da sempre.
E da sempre, giocare da solo mi annoia.
Per fortuna è arrivato l’online….
E’ stato allora che ho scoperto di essere una pippa.

Odio: i giochi sparatutto in prima persona (mi fanno venire il mal di mare)
Trovo frustrante: i giochi di calcio, divertenti ma solo per poco tempo.
Amo: le simulazioni di guida fatte senza troppi aiuti e con la visuale dal cockpit o dal cofano.

Assiduo frequentatore dei titoli codemaster sulla F1 fino a F12015, ho avuto poi un netto distacco quando ho capito che il vero limite che non mi permetteva il salto di qualità era il tipo di controller.
Per quanto possa essere pratico il joypad, il volante è il volante, ed intendo un volante con un feedback che possa trasmettere alle mani il comportamento della vettura.
Oltre a rendere il gioco più immersivo, senza dubbio aumenta le capacità di condurre al meglio il proprio mezzo togliendo preziosi decimi, se non secondi, ai tempi sul giro.
Più si aumentano i feedback e più le capacità di guida migliorano.
I piloti professionisti ormai fanno del simulatore di guida un insostituibile strumento per allenarsi, usano sistemi da milioni di euro in grado di simulare i comportamenti dinamici della vettura in tutte le variabili possibili, accelerazione positiva e negativa, vibrazioni indotte da ogni componente meccanica ed ambientale ecc. ecc.
Volendo fare un esempio pratico propongo un paio di video da youtube con sistemi da 2dof ad almeno 6dof (compreso quello usato dal Team RedBull F1 qualche anno fa) dove per dof si intendono i gradi di libertà, ovvero il numero di comportamenti che si è in grado di simulare.


Ma quanto costa tutto ciò volendo entrare in questo mondo con il minimo sindacale?
Almeno quanto la console stessa.
Da qui nasce il progetto in questione.

Ottenere il massimo della configurazione per una postazione di guida con un budget di 300€

Parlo per la mia ricerca su Microsoft Xbox ONE ma parallelamente cercherò di mostrare le alternative su Sony PS4.

Nel momento in cui sto scrivendo, 6 Novembre 2017, la progettazione della postazione di guida è stata portata praticamente a termine ma la realizzazione è ancora in alto mare.


Il volante:

Escludendo tutte le proposte senza force feedback subito la scelta si è ristretta a:

La qualità superiore del Logitech è indubbia, soprattutto la pedaliera. Le recensioni che descrivevano il force feedback del thrustmaster molto più imponente ed il risparmio di 60€ hanno finito però per influenzare la mia scelta.
Alla fine però mi sono voluto concedere qualche giorno per scandagliare meglio la rete a caccia di un’occasione ed ho trovato su eBay un’offerta che ho voluto cogliere al volo: 130€ Thrustmaster TMX usato ma in ottimo stato + Assetto Corsa + Dirt Legend Edition – titoli che avrei acquistato in un secondo momento – e altri due giochi minori.

VOLANTE 130€


Il volante non lo possiamo di certo tenere sulle ginocchia.
In una precedente esperienza volantosa ricordo che lo usavo attaccato al tavolo da pranzo, che faticosamente dovevo spostare verso la tv.
Sedia scomoda e dura come il marmo e altezza rispetto alla televisione da vertigine rendevano l’assetto di guida simile a quello di un camionista.
Non è meglio allora starsene comodi sul divano con il joypad?
Sì, finché la testa non diventa pesante.
Non c’è niente da fare, secondo me questa parte influisce troppo sulle prestazioni e più avanti cercherò di dimostrarlo.

Come?
F1 2015, free practice sul circuito di SPA.
In questi giorni mi impegnerò con il pad e vediamo che tempo esce fuori.
A progetto terminato tenterò di battermi grazie al boost che è in grado di dare la postazione.